Skin Color
 

Home » La Via del SÉ® » Costellazioni Sistemiche prima e dopo La Via del SÉ®

Costellazioni Sistemiche prima e dopo La Via del SÉ®

A2 FOTO FAM REALE


Le costellazioni Sistemiche sono interventi terapeutici che si svolgono per lo più in gruppo ma anche individualmente.

 

È una modalità insolita ideata da uno psicologo di fama internazionale, Bert Hellinger, per intervenire nell’aiuto in un conflitto familiare, aziendale, in una crisi affettiva, di denaro, di lavoro che tende ad essere ripetitiva.

 

Negli anni mi sono resa conto tuttavia che rimane un intervento di liberazione parziale se la persona stessa continua a rinunciare al ricongiungimento al suo SÉ e all’appartenenza al Sistema del SÉ.
Per questo motivo ho cercato un modo per andare oltre i limiti constatati con il metodo di Hellinger.

 

La dinamica del lavoro potrebbe sembrare simile allo psicodramma ma è profondamente diversa.

 

Nelle costellazioni sistemiche si prende in considerazione l’individuo nel suo contesto sistemico con l’anamnesi storica di tutto il suo sistema familiare attuale e di origine anche di generazioni remote, qualora un’ingiustizia avvenuta non sia mai stata onorata (riconosciuta nella sua verità).

 

Statistiche di questi lavori su conflitti irrisolti nelle generazioni della famiglia di origine mostrano che tendono a ripetersi nella vita dei discendenti attraverso dinamiche inconsce collegate probabilmente a combinazioni geniche del DNA.

 

In questi interventi non ha importanza conoscere il carattere delle persone coinvolte ma esclusivamente la verità di eventi realmente accaduti.

 

Questo tipo di terapia assume una realtà energetica ancora diversa se viene fatta durante il percorso La Via del SÉ®. Con l’obiettivo di ricongiungersi al SÉ la persona sceglie consapevolmente di uscire dall’inganno del sistema terrestre e delle sue false leggi. È maggiormente sostenuta nel cambiamento dalla sua stessa intenzione. Non si serve della vendetta ma nemmeno del perdono.

 

Nel senso che non si erge a Dio né nel male né nel bene. Riconosce ciò che è, cioè, cerca di essere onesta nel descrivere gli eventi per quelli che sono. Non vuole più che sia riconosciuta la sua verità ma cerca la Verità di ciò che è Vero.

 

Non rinnega nulla, non vi è rabbia … tutto è servito per comprendere. Si è grati per la vita che non è stata interrotta perché attraverso essa si ha una speciale facilità ad evolvere. Con il SÉ risvegliato nulla si esclude ma si sceglie integrando l’esperienza. Con il SÉ risvegliato e una maggiore onestà con se stessi si possono confrontare più chiaramente i paradigmi familiari con il sentire interiore libero del SÉ. Solo così si perviene ad una consapevolezza con la quale si è in grado di scegliere e con la scelta ad una libertà interiore ed esteriore che nessuno può più smantellare!

 

Uscire dal potere del sistema terrestre è arduo ma si può se si depongono le sue stesse armi che sono l’inganno, il giudizio, la colpevolizzazione, il rancore … e si comincia a concedere agli altri e a se stessi la libertà di scegliere il SÉ o di rinunciare al SÉ, la libertà di uscire dalla rinuncia per entrare coraggiosamente nella scelta.

 

Durante il percorso del SÉ il beneficio della costellazione è decisamente più duraturo e diventa definitivo se si realizzano nella propria vita totalmente e consapevolmente le scelte in coerenza con il SÉ.

 

Nel caso di tali esperienze terapeutiche ritengo più onesto sospendere le Costellazioni quando la persona stessa blocca la soluzione di uscire dalla propria sofferenza rinunciando a scegliere.

 

Insistere nell’aiuto, in questi casi, può mettere a rischio il terapeuta che può cadere nella trappola sistemica del paziente in quanto ne condivide la mancata coerenza innescando una dipendenza terapeutica e diventando lui stesso dipendente dalla pretesa di aiuto del paziente.